L'album di Natale

by La Macabra Moka

/
  • Streaming + Download

    Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.

    Il prezzo del download è UP-TO-YOU, decidi tu se e quanto pagare. L'offerta minima è zero. Per scaricare l'album clicca su "Buy Now", inserisci un importo (ad es. 0) e clicca "Download Now".

      name your price

     

1.
03:08
2.
3.
4.
5.
6.
7.

credits

released December 28, 2011

Registrato dal vivo in acustico l'8 dicembre 2011 in un appartamento
Riprese, mix e master di Stefano Genta

Musica e testi di La Macabra Moka tranne per le tracce n.3, n.4 e n.6

lamacabramoka.altervista.org

tags

license

about

La Macabra Moka Cuneo, Italy

La Macabra Moka è una band alternative rock di Cuneo, Piemonte.

"A un primo impatto, ciò che colpisce maggiormente del quartetto cuneese a nome La Macabra Moka è l'incredibile tiro del suo rock ruvido e corrotto"
– Michele Montagano, Rockit

“Il rock. Quello vero. Quello diretto, che non si perde in chiacchiere. Quello con la rabbia dentro e fuori” – Francesca Marini, Impatto Sonoro
... more

shows

contact / help

Contact La Macabra Moka

Streaming and
Download help

Redeem code

Track Name: Mokka Cuka
Fumando solo sigarette lo stato corre in auto blu
Se guardi anche “Mattino 5” gradisci tette più che mai
Sostieni i grandi evasori e li ringrazi con champagne
Aspetti solo gli anni buoni ma non arriveranno mai

Non ti va di esser rimosso dai miei motivi di discussione
Per quanto marci possano essere mostrano quanto il re sia nudo
Ignari bambini guardano la scatola delle incomprensioni
Ma sceglieranno un’esistenza mettendo testa sotto terra

L’orso traditore è qua, è giunto ora
Ma quando arriva la fine siam nello stesso porcile
Intinto solo di grasso, puzzando solo di te
Track Name: Elettrostimolante
Pareri medici, ne abusavo il credo fin troppo
Nei miei pensieri, partorivo Marilyn Monroe
“Hey, mi accorgo d’esser stata superstar e poi
Vestivo abiti chic, bevevo solo Chanel
Amavo Beverly hills (quel parassita)
Le vostre attuali show girl non rappresentano nulla
San fare solo pompini e fan carriera”

Scioccante come sia mutata la società in questi anni
Ma ne siam tutti fottutamente responsabili
Se poi si somma il nostro odio per il pianeta
Ditemi perché meriteremmo d’esser ancor vivi

Cara velina incontrastata sulla tua essenza
C’è un uomo con domande insane sulla tua presenza

Pensando a come stai, mi viene in mente il detto
”La mattina ha l’oro in bocca" sai, invece tu..
Hai qualcos’altro che ti scorre
Ma non risponde al nome di ghiacciolo
Non pare proprio un ghiacciolo, però si scioglie
Track Name: È come quando ci guardi dentro
Falsi entusiasmi in agenda attonita
Appunti compulsivi in accordo al debito
Crampi sollecitati nel tacito bulimico accordo
Oggi lo scelga lei, corregga la mia vita in un attimo

Silvio, I need some drugs

In chiave comica
A luce sferica
A pelo indomita
In crisi isterica

Puoi creare i tuoi, intesi come vita di un attimo
Poi cerca con me, reality con piano didattico

Silvio, I need some drugs
È come quando ci guardi dentro

Solchi di commedia
Inalterando l’aspetto tattico

Incolli in alto i tuoi disegni con la speranza dell’onore
Disegni cieli spensierati con campi bruciati
Insospettiti dal maltempo, però in profumo di carriera
Osannano gli alieni stanchi dei soliti bip

Falsi entusiasmi in agenda attonita
Appunti compulsivi in accordo al debito
Crampi sollecitati nel tacito bulimico accordo
Oggi lo scelga lei, corregga la mia vita in un attimo

Silvio, I need some drugs
Track Name: Sistema di una moka
Coliche
Non ti resettano
Spastiche
Ci confezionano come basilico

Prendendo posto nella moka
Ci responsabilizzi tu
Nostro delirio sorprendente
Ne prende parte Robin Hood

Cogito
Latito
Cogito
Critico

Fabbriche
Non ci presentano
Spastiche
Ci confezionano come basilico

Moka, star, every, day

Raccogli punti per il gran premio finale
La moka sforna inverso il suo caffè fatale
Interessante Maria, dai vieni a cà
Non vedo l’ora di fare gioir la moka
Non senti un suono felice salir da qui
Immaginavo fosse una lambretta

Una lambretta così io non l’ho avuta mai

Questo mi riporta alla mia adolescenza
Quando il desiderio per un motociclo era tutto
Mi si presentò la possibilità di acquistarlo
E non feci altro che dedicarmi all'estasi
Ma non avevo calcolato i miei limiti
Le gambe erano troppo lunghe
E le ginocchia si incastravano su ogni tipo di manubrio
Quasi fossero pertiche
A quel punto tutti i tipi di scooter mi erano esclusi
Tranne quelli per anziani stile scarabeo
Per non arrivare a quel punto un vecchio mi propose la verità
E l'idea corrispose a una lambretta
Di colpo il mio mondo cambiò e trovai una svolta nella vita
Ma quando mi accorsi che una lambretta era economicamente inavvicinabile per me
Mi ritrovai su un motorino oscuro
Era un fottutissimo ciak malaguti